ico

RALLY DEL BELGIO, SUPERFICI SPORCHE E PAVÉ LE SFIDE PIÙ INSIDIOSE SULLE STRADE DI YPRES

16.08.2022

Le strette e veloci vie della campagna fiamminga presentano varietà di condizioni e grip incostante

P Zero Hard la prima scelta. A disposizione anche gli pneumatici da bagnato

Testoni: “Ampie possibilità di strategia gomme per i piloti, che dovranno fare attenzione soprattutto nei secondi passaggi”

Dopo cinque tappe su sterrato, il Campionato mondiale Rally torna sull’asfalto in Belgio, dove le strette e veloci strade della campagna fiamminga faranno da sfondo alla nona gara stagionale. Tornato al tradizionale formato su quattro giorni, il Rally di Ypres non manca di novità rispetto al 2021, anno di debutto nel mondiale per la gara belga, come la prova speciale di apertura del venerdì, Vleteren, e il pavé della Kemmelberg, promosso a Power Stage.  In totale, la gara prevede 20 prove speciali su dieci percorsi da compiere due volte, per complessivi 281,58 chilometri.

 

PERCHÉ LE GOMME FARANNO LA DIFFERENZA IN BELGIO
Le strade intorno ad Ypres (tutte le prove sono nel raggio di 25 chilometri dalla città) presentano un asfalto mediamente scivoloso, reso ancora più infido dai detriti e dall’eventuale fango che le vetture portano sulla strada dopo i tagli in curva. Tali condizioni diventano ancora più sfidanti in caso di pioggia, sempre in agguato in Belgio. Alle gomme è richiesto di assicurare massima aderenza e prestazioni ottimali in condizioni che possono cambiare anche all’interno della stessa prova. La giornata più intensa è il sabato quando si correrà la tappa più lunga del rally (oltre 133 km) con la SS Hollebeke a chiudere entrambe le sezioni, che rappresenta la più lunga dell'evento (22,32 km).

Per questa gara:
P Zero RA WRC HA, a mescola dura, indicata per le superfici più abrasive e le tappe più lunghe, è la prime.
P Zero RA WRC SA, a mescola morbida per le superfici più scivolose e umide, è la option.
Cinturato RWB, è la scelta in caso di forte pioggia e di superfici molto bagnate.

 

PIRELLI QUOTE
Terenzio Testoni, rally activity manager"Il Rally del Belgio, grazie anche all’imprevedibilità del meteo e alla varietà di condizioni, offre molte possibilità di strategia e di scelta gomma ai team. C’è da aspettarsi un notevole peggioramento delle condizioni nei secondi passaggi, considerato che la superfice dell’asfalto tende a diventare sempre più sporca vettura dopo vettura. I sanpietrini, ben noti ai ciclisti di tutti il mondo, presenti in un paio di prove costituiranno un’ulteriore sfida, soprattutto in caso di fondo umido o addirittura bagnato. Le gomme saranno messe sotto stress anche da alcune curve strette, spesso precedute da forti frenate".

LE GOMME PIRELLI IN BELGIO
Pirelli porta in Belgio 750 gomme per le vetture Rally1. Le allocazioni per la categoria top sono:
-       28 pneumatici per i P Zero RA WRC HA
-       22 per i P Zero RA WRC SA
-       12 per i Cinturato RWB

Ogni vettura Rally1 può montare complessivamente fino a 28 pneumatici durante tutta la gara incluse le 4 per lo shakedown, la cui mescola è a scelta di ciascun equipaggio.

Pirelli fornisce, inoltre, 2300 gomme alle altre categorie a 4 ruote motrici, che possono usare fino a un massimo di 26 gomme a vettura, incluso lo shakedown. Le allocazioni per ciascun equipaggio sono:
-       26 P Zero RA5
-       18 P Zero RA7+
-       12 Cinturato RWB/RW1





















20 di 34 News (1 - 20)

gommadiretto.it - un'offerta da Delticom AG